blabla-sonia: Anche io voglio dire la mia

mercoledì, novembre 08, 2006

Anche io voglio dire la mia

Che Saddam Hussein sia stato ed è ancora un bastardo, un pazzo, un folle, un atroce assasino, un boia, la reincarnazione del diavolo in persona, l'uomo della peggior razza (non mi vengono altri epiteti peggiori): ormai sembra sia chiaro a tutti, ma pur sempre di un uomo (anche se in questi casi faccio fatica a usare questo termine) stiamo parlando.
Che egli debba morire per mezzo della mano di un altro uomo: non sono affatto d'accordo! Macchiarsi dello stesso sangue di un uomo del genere ne vale la pena? Che senso ha? Che senso avrebbe?
Sia chiaro, merita la giusta punizione, ma non la pena capitale: è troppo facile morire senza essersi veramente pentiti.
Inoltre, credo che ancora non abbia avuto il tempo per rendersi conto delle pazzie, delle follie, delle atrocità che ha commesso.
Che venga piuttosto rinchiuso in uno sgabuzzino e che "venga buttata via la chiave" per un po' di tempo: è solo rimanendo in solitudine con sé stesso che probabilemente la sua coscienza comincerà a smuoversi, a farsi sentire.
Vivere male con la propria coscienza per il resto dei suoi giorni, è la pena peggiore che un uomo così, può ricevere dalla vita: è la sua stessa vita che deve punirlo, non è sicuramente la morte a penalizzare un uomo del genere!
Se poi muore solo, per conto suo e in solitudine...ve lo confesso? Sono solo fatti suoi, e a me poco importa, anzi, pensate che avrà pure anche un posto nella storia.
Basta però, che non sia la mano di un altro uomo ad ucciderlo.

Per avere ulteriori ragguagli inerenti alla pena capitale, è forse bene rivisitare di tanto in tanto, il Cesare Beccaria in "Dei delitti e delle pene".

21 Comments:

Anonymous angioletto79 said...

ti dirò sono molto molto contrariata ... ma su una cosa sono abbastanza sicura ... non se ne pentirà mai!!!
Persone come lui e ce ne sono state tantissime Slobodan Milosevic tanto per citarne uno!
Non si sono mai pentite di nulla!
Pensa anche ai campi di sterminio durante la seconda guerra mondiale, non ha pagato nessuno per queste persone! Anzi dicevano noi abbiamo eseguito gli ordini!!! Ma come puoi dormire la notte sapendo di aver ammazzato/trucitado tantissima gente?Come fai a guardare degli occhi i tuoi nipoti e fare il bravo nonnino!

É vero la pena di morte, comunque sia inflitta non ti restituisce nulla, se non la consapevolezza che non potrà fare più cose simili, è una magra consolazione,lo so!
Penso anche ai famigliare delle vittime, come si possono sentire quando nessuno pagata per la morte del proprio caro!

Sicuramente è un argomento molto delicato da trattare!
Che apre molte controversie!

L'unica cosa che mi auguro è che soffra e soffra tantissimo!!
Fino a cercare lui stesso la morte!
E spero che non la trovi così continua a soffrire!

8:30 AM, novembre 08, 2006  
Anonymous walter said...

non so quale possa essere una Giusta Punizione. mi limito a dire che quando cè un problema sicuramente è giusto cercare di porvi rimedio, bloccando il suo sviluppo. nel caso di Saddam basta che non sia libero di agire come prima. basterebbero anche diversi anni di carcere, non dimentichiamoci che ormai non è più un giovincello. quello che si vuole però è fare spettacolo, creare clamore: non credo che questo c'entri nulla con la Giustizia.

8:38 AM, novembre 08, 2006  
Blogger sonia said...

Mi piace un casino questo tuo pezzo:"L'unica cosa che mi auguro è che soffra e soffra tantissimo!!
Fino a cercare lui stesso la morte!
E spero che non la trovi così continua a soffrire!"...è quello che glia uguro anche io in fondo!
Così si che la coscienza si potrebbe smuovere!

Grazie per le tue parole Mary... ;O)

8:41 AM, novembre 08, 2006  
Blogger sonia said...

@Walter: hai centrato perfettamente un punto secondo me fondamentalissimo! La voglia di far spettacolo, clamore: esattissimo!
Molto simile Reality, che non ha nulla a che fare con la giustizia..esatto!

8:45 AM, novembre 08, 2006  
Blogger Pier said...

Argomento controverso, sì...
Sono d'accordo con Mary, certi soggetti non si pentiranno mai (d'altronde nessun essere veramente umano riuscirebbe a pensare o eseguire certi genocidi).
Io sono per principio contrario alla pena di morte, inoltre in questo caso il rischio potrebbe essere addirittura quello di far passare il dittatore come una specie di eroe, con ulteriore peggioramento dei disordini che già affliggono quel paese

10:44 AM, novembre 08, 2006  
Blogger laollo said...

indipendentemente dalla sofferenza, dalla pena, da qualsiasi altra cosa... di una convinzione son certo: la pena di morte MAI!

11:07 AM, novembre 08, 2006  
Anonymous alex said...

Mi trovi d'accordo su tutti i fronti!
Criminale non solo lui, ma anche chi lo uccide.
Preferirei vederlo marcire in galera.
Baci
Ale

11:59 AM, novembre 08, 2006  
Blogger Alberto said...

...


Un abbraccio silenzioso.

12:01 PM, novembre 08, 2006  
Blogger Helga said...

Non credo che quest'uomo si possa mai render conto delle atrocità che ha commesso o addirittura pentirsi e francamente m'interessa poco. Problemi suoi e della sua coscienza. Invece è di quella dell'umanità che mi preoccupo. Che si possa pensare di mettersi sullo stesso piano di un'assassino e farla franca. Se sarà sottoposto alla pena capitale sarà presto tutto dimenticato... invece è in galera, vivo, che deve rimanere... finchè sarà lì, si continuerà a parlarne...
E per dirla tutta... non trovo Bush molto diverso da Saddam...

1:11 PM, novembre 08, 2006  
Blogger Astralla said...

Io non posso e non voglio chiedermi cosa è giusto o meno, credo siano cose al di sopra delle mie possibilità decidere se è giusto o meno la pena di morte.
L'ira mi porterebbe a dire di sì, ma credo anche che come dici tu non si è pentito e non si pentirà..che conviva a vita con i suoi spettri in un ripostiglio vuoto...
Ma è giusto anche questo? E' corretto o megno finirla qui per pietà e per non mettersi a suo livello...
E poi...E tutto vero? Quante delle informazioni sono state fornite da Bush, che tutela i suoi interessi distruggendolo?Cosa è giusto e cosa è sbagliato? E' un tema davvero troppo complesso,senza avere tutti i dati nelle mani.
Un abbraccio

1:21 PM, novembre 08, 2006  
Anonymous Stefania said...

Concordo pienamente...brava sonia!

2:23 PM, novembre 08, 2006  
Anonymous Duss said...

Credo che dal suo punto di vista non abbia commesso nessuna atrocità! Le ha commesse dal nostro paradigma e da quello delle vittime.
Quando è così non può avvenire pentimento.

Comunque sia quasi sicuramente non verrà giustiziato. E' una sentenza fatta apposta per favorire le lezioni di medio termine di Bush.
Per la legge islamica, uno condannato a morte, viene giustiziato il giorno dopo. In questo caso la condanna è rimandata a data da destinarsi.

Altro problema, molto più grave, è che se viene giustiziato rischia di essere considerato dai sunniti un martire. Questo porterebbe ad una serie di disordini interni che avrebbero conseguenze devastanti.

In ogni caso scordatevi di vedere il futuro Iraq un paese Islamico democratico.
Islam e Democrazia non vanno daccordo ...per lo meno come la intendiamo noi occidentali!

Quindi innutile preoccuparsi di una condanna a morte fittizia.

Quello per cui dovreste tutti incazzarvi come dei caimani della Svizzera centrale, invece, è il fatto che la pena di morte esista e sia ampiamente usata in un paese che si dichiara "esportatore di democrazia e diritti umnani" come gli USA.

3:50 PM, novembre 08, 2006  
Blogger Alberto said...

All'odio e alle condanne a morte possono essere date anche risposte diverse...

http://www.youtube.com/watch?v=vr3x_RRJdd4

DIAMO RISALTO ALLA CAMPAGNA DI DIFFUSIONE DEGLI ABBRACCI!!!!

A questo indirizzo potete trovare le date italiane, dove elargire e ricevere abbracci---> http://www.abbracci-gratis.it/

Inutile dire che io ci sarò! ;-)

Un abbraccio per salvare il mondo. :-D

6:49 PM, novembre 08, 2006  
Blogger rainbowsparks said...

concordo e confermo.

11:11 PM, novembre 08, 2006  
Anonymous Anonimo said...

Sono pienamente d'accordo con te sai! Sinceramente sono finita casualmente sul tuo blog xkè anke io mi chiamo Sonia e vuoi il caso anche io sono nata a Mendrisio ed ho vissuto nel canton ticino fino a6anni , mentre ora vivo a Perugia ed ho 29 anni.Mi piacerebbe conoscerti e se ha i messenger ti lascio la mia e-mail:sbdell@hotmail.it

12:07 AM, novembre 09, 2006  
Blogger sonia said...

Buongiorno a tutti, scusate il ritardo, ma ultimamente alla sera torno a casa a pezzi e non riesco quasi più a mettere mano al pc! In compenso però mi sveglio presto…rispondendovi di mattina…a mente più fresca…

@Pier:sai Pier , io c’ho pensato ieri a sta cosa della coscienza…e i ragione quando dici che è inumano commettere certi genocidi, però e c’è un però, questi tipi di personaggi, commettono queste cose quando sono attorniate dal benessere, dalle persone che lo appoggiano, dalla famiglia…
Ora lui tutto questo non ce l’ha già più, e dal momento che una persona così viene lasciata sola e abbandonata al suo destino…la coscienza si va veramente sentire e guarda che brucia e fa male! La coscienza credimi…ce l’ha anche il più cattivo!
Inoltre pensavo che la vita, non è stupida o scema…io credo moltissimo nel chi semina vento raccoglie tempesta. E prima che lui se ne andrà da sta terra di tempesta ne dovrà ancora raccogliere!

Sul tuo secondo punto concordo in pieno: rischierebbe di passare come eroe…e non solo, da carnefice a vittima!

Solo di una cosa sono convinta: No alla pena capitale!

@LaO: Sto con te e con il tuo appello: la pena di morte MAI!

@Alex: Esatto criminale non solo lui ma anche chi l’uccide! È anche quanto ho sempre appreso in famiglia a proposito di pena capitale.
Però pensa quanto dobbiamo imparare dalla storia: già nel 1766 Beccaria vedeva in questo modo la mano dell’esecuore “Tra le tesi che egli avanza contro la pena capitale vi è il fatto che lo Stato, per punire un delitto, ne compierebbe uno a sua volta.” Quindi non solo l’esecutore si macchierebbe di un reato, ma tutto lo Stato! Guarda come già nel 1750 erano avanti e noi che viviamo nel 21 secolo a volte sembra che non abbiamo imparato proprio nulla dal passato…Negli USA per esempio non hanno ancor capito un emerito C***O!

Un bacio

@ Alby: Un abbraccione il silenzio anche a te:o)

@ Helga: vedo che anche tu fai fatica a in questo caso usare il termine “uomo”. Quanto ti capisco! :O)
Dici giusto…se questo verrà ammazzato si smetterà di parlarne e tutto verrà poi messo nel dimenticatoio, come nel caso citato da Mary su Milosevic (nessuno più ne parla)…finirà solamente sui libri di storia e basta!
Per dirla tutta? Busch è un pirla, possono darsi la mano entrambi i due stronzi!;O)

@Astri: Carissima, io sono come te… se penso l’ira allora sono cavoli, potrei andare io di persona e ucciderlo con le mie mani! E credimi che se pendo da irata, potrei seriamente farlo!
Però...siamo anche dotati di ragionamento, d’ intelligenza ma soprattutto di morale! Se uniamo le re cose, capiamo che l’esecuzione capitale non serve proprio a nulla!

Mentre deve pagare…ed è giusto che paghi! Un tipo così andrebbe seriamente messo in uno stanzio di 4x4, ricevendo le sue cure ecc…ma va lasciato solo! È giusto! Questo non significherebbe mettersi al suo livello ( a differenza lui a compiuto dei genocidi), significherebbe castigarlo!E se lo meriterebbe! Ti dico la verità? Per farlo penare ancora di più, gli permetterei che riceva una sola visita al giorno di mezz’ora, ma non da una persona qualunque, ma da una persona piena d’amore. I casi sono due: o cambia con serio pentimento perché gli viene insegnato un po’ d’amore…oppure marcirebbe come un cane solo perché come si sa se sei diavolo vieni completamente sconfitto dall’amore.
Non so se mi sono spiegata bene, in questo ultimo paragone!
In quanto a Busch…questo è un altro come lui!

Un abbraccione!

@ Stefy: Ti ringrazio, ma conefesso che lo spunto di sto post, me lo avete stimolato tu e Tiziana!
Dovevo assolutamente sfogare sta cosa.

@ Duss: ma certo per il momento lui ancora non si è reso conto di sta cosa…prima ha ucciso e commesso tutte le sue atrocità, poi sono arrivati gli “AMMERIGANI” e aveva la testa impegnata a scappare e a nascondersi, poi è stato catturato e condannato…adesso è impegnato con il processo e la sua fine…quindi una serie di cose, che ancora non ha avuto il tempo di pensare a quello di ciò che realmente ha combinato. In questo momento sarà sempre stato attorniato da persone, che sicuramente ancora adesso lo sostengono. E lui ancora è convinto di non avere commesso nessuna atrocità! Perfetto, è verissima sta cosa!
Ed è per quello che sostengo che non venga ammazzato ma che gli venga data la punizione della solitudine, ma che venga seriamente lasciato solo e abbandonato!

E comunque concordo in piena linea su tutto ciò che hai detto!
Mentre per concludere, rifacendomi al discorso degli Americani dicono di tanto di essere uno Stato Democratico, e invece sono dei retrogradi…vivono peggio che nel medioevo! Spero che sta volta, passino i Repubblicani! Solo perché vada fuori dalle balle Busch.

@Alby: Grazie! ;O) Una diffusione di abbracci in sto post ci va…stasera se ho tempo do un’occhiata al sito!

Un abbracciane allora!

@Raibow: Grazie! :O)

@Anonima: Benvenuta! Insomma due gemelle mancate? ;O)
Ma dai dal Ticino ti sei trasferita a Perugia? È bella Perugia!
Ma dove hai letto che potrei essere di Mendrisio?

Ciao

3:41 AM, novembre 09, 2006  
Anonymous Giast said...

Ciao sonia, stanotte ho ripreso in mano il blog e sistemato cose arretratissime come grafica impostazioni ecc, e tra l'altro ti ho inserita tra i preferiti!
Prometto che appena ho tempo rileggerò tutti i tuoi post arrestrati... certo che scrivi tanto però!!! ;-)

3:46 AM, novembre 09, 2006  
Blogger sonia said...

Giast: ma ciaooooo...ma sei tornato? Che bello! Cominciavo a preoccuparmi pensa che ho fatto un appello leggiti un po'sto post! Va bene solo questo, non è il caso che te li rilegga tutti, abbiamo solo ciarlato e fatto nuove e belissime conoscenze!

Doamni passerò a trovarti!;O)

3:52 AM, novembre 09, 2006  
Blogger Viola said...

Grandissima Sonia!Sono pienamente d'accordo con te.Ogni uomo ha il diritto di potersi pentire e di avere il tempo di farsi un esame di coscienza. Di poter ,se vuole, prendere coscienza dei propri errori.La pena di morte è "eticamente illegale"!E poi...vogliamo far contento Bush???

8:57 AM, novembre 09, 2006  
Blogger Clopin said...

Spero che non sia per il verdetto su Saddam Hussein, che, stanotte, non hai dormito, vero? Ciao Sonia, Clopin ti vuole bene.

Clopin

10:34 AM, novembre 09, 2006  
Blogger sonia said...

@Viola: Giustissimo! Eticamente e moralmente illegale!

Far contento Busch? No, no!:O)

@Clopin:Buon giorno! :O)
No clopin, ho dormito prima e diciamo che mi sono svegliata presto, molto presto..senza più riuscire ad addormentarmi.

Ciao Clopin, anche sonia ti vuole tanto bene. È bello sentirselo dire...grazie!:O)

2:07 PM, novembre 09, 2006  

Posta un commento

<< Home