blabla-sonia: E intanto maggio se ne va

lunedì, maggio 26, 2008

E intanto maggio se ne va

Maggio è un mese sfigato. Almeno per me. Me ne sono capitate così tante, questo mese, da non crederci. Nulla di grave, per carità, ma questo mese avrò modo di ricordarmelo per diverso tempo.

Tutto comincia dal mio vecchio pc che si è fulminato all'improvviso: sono stata così costretta ad acquistarne un altro e a passare da XP a Vista. Poi, sono passata a prendere una botta alla macchina: un consistente danno ricevuto in un parcheggio, sino ad arrivare... e per quest'ultimo evento, sedetevi, restate comodi, e leggete in tranquillità, perché è veramente tutto da gustare per l'incredibilità degli accadimenti.

Visto che un essere immondo mi ha centrato l'auto in parcheggio per poi fuggire, ho mandato a riparare l'auto. Avevo concordato con il garagista di farmela riparare abbastanza presto, perché avevo bisogno della mia auto il venerdì successivo. Mercoledì scorso, verso il tardo pomeriggio (da noi era un prefestivo), il garagista mi chiama e mi dice che l'auto è pronta, aggiungendo di passare a prenderla, se lo volevo, anche la sera tardi; insomma potevo andare quando volevo perché stavano per chiudere: la chiave me l'avrebbe lasciata sul copertone dell'auto.

Verso le 19.00 sono uscita per andarla a ritirare, ho preso il bus perché non c'era nessuno che mi avrebbe accompagnata. Stavo per raggiungere la fermata, quando un gruppo di amici mi ferma e mi invita a bere l'aperitivo con loro. All'inizio avevo un po' esitato ma poi mi hanno convinta. Un amico mi ha detto che mi avrebbe accompagnata al garage visto che era diretto dove ero diretta io: doveva andare a spostare il suo camper. Mi siedo insieme a loro, e cominciamo a farci i nostri giri di prosecchini. Offro io che offri tu, alla fine ci siamo scolati 5/6 prosecchi a testa.

Verso le 21.00/21.30, io e questo mio amico ci dirigiamo alla sua macchina: mi accompagna a prendere la mia auto. Successivamente accompagno lui a prendere il suo camper per andarlo a parcheggiare. Una volta che lui era in auto con me, ci siamo fermati ulteriormente a bere l'ultimo bicchiere. Dopo di che, l'ho riportato alla sua auto e ci siamo salutati.

Fino qui nulla di strano, se non che io ero a digiuno e dopo tutti quei prosecchi ho deciso di fermarmi in un ristorante a prendere una pizza da portare a casa.
Prendo la pizza, entro in auto e mi accingo a ritornare a casa, ma sulla mia strada, di fronte a me, c'è uno praticamente fermo che invadeva colla sua auto la mia corsia. Lui è fermo. Per farmi passare, credo, rimane fermo: nel momento il cui lo supero lui è ancora lì, fermo, immobile. Lo supero, ma ad un certo punto sento: crcrcrchhhhhchchchch. Le nostre auto si toccano. A me si è graffiata tutta la portiera posteriore e a lui soltanto un piccolo graffio sul parafango.

Spengo immediatamente l'auto, anche l'altro la spegne, scendiamo, ma quando io vedo il danno, sento arrivarmi lo stomaco al cervello. Non ero incazzata, no, avevo soltanto i nervi a fior di pelle. Ovviamente il tipo voleva avere ragione, ed io pure; allora con molta poca tranquillità gli dico: "senti, tagliamo la testa al toro, altrimenti finiamo con il pestarci. Né io e né tu siamo in grado di stabilire di chi è la colpa, per cui chiamiamo la polizia e facciamo fare a loro quello che non siamo in grado di fare noi". Chiamo IO la polizia che nell'arco di dieci minuti arriva.

Controllano le posizioni delle macchine e uno dei due poliziotti dice al ragazzo: "in effetti, signore, lei con il retro della macchina ha invaso la corsia sulla quale viaggiava la signorina". Dopo due minuti (e qui comincia il bello della storia) sempre uno dei poliziotti: "Signorina, ma lei ha bevuto?" ed io (con una meravigliosa faccia da tolla - avevo il sorrisino stampato e mi mordicchiavo le labbra - ): "No" e il poliziotto: "no, sa perché? quando veniamo chiamati anche solo per un graffio, dobbiamo fare il controllo dell'alcol". Allora io, sempre con fare mellifluo, e sempre con il mio sorrisino ebete spiaccicato sulla bocca, mi accingo a soffiare (dentro di me pensavo che tanto non mi avrebbero beccata perché avevo deciso di soffiare piano, furba eh).

Primo soffio.
Il poliziotto: "Signorina più forte".
Secondo soffio.
Il poliziotto: "Signorina le ho detto di soffiare più forte".
Terzo soffio.
Il poliziotto: "Signorina allora?! Soffi più forte".

Al quarto soffio, soffio come si deve e il poliziotto mi fa: "e per fortuna che non aveva bevuto". Insomma l'etilometro segnala un bel 1.04 per mille (da considerare che qui il minimo consentito è 0.5 per mille), mentre il tipo non aveva bevuto nemmeno una goccia di alcol.

"Bene signorina, anche se lei aveva ragione, visto che lei ha bevuto, le colpe ricadono tutte su di lei, per cui dobbiamo andare in centrale a verbalizzare, dopodiché, andiamo insieme all'ospedale a prelevare il sangue. E da questo momento la sua patente la prendo io". E io rispondo: "scusi ho la pizza in auto, ne posso mangiare un pezzettino? Ho fame, ho mangiato mezzo finocchio".
E il poliziotto: "No, non può mangiare nulla fino a che non abbiamo fatto il prelievo del sangue. Quindi adesso la accompagniamo un attimo a casa a portare la pizza, e dopo andiamo in centrale". Mi parcheggia il poliziotto la macchina e andiamo verso casa.

Non vi dico lo stupore dei miei quando mi hanno vista arrivare in compagnia dei poliziotti, ma tralasciamo...

Quindi mi portano in centrale per il verbale, e vi garantisco che malgrado la situazione, ho passato con loro due ore divertentissime, tanto che alla fine erano loro in maniera seria ma simpatica a prendermi in giro della serie: "per fortuna che stanotte ci è capitata "un'ubriaca" simpatica", "dai, reputati fortunata che ti abbiamo portata in giro con la nostra auto nuova appena acquistata. Ha solo due giorni di vita" e io scherzosamente "me la fate provare? Posso guidarla?".

All'ospedale, la dottoressa, dopo avermi "ciucciato" il sangue e dopo alcune domande di routine, si rivolge ai poliziotti e gli dice: "è vero che lei ha bevuto, però non è giusto che si prenda tutte le colpe". Epperò questa è la legge.

Bene, stamattina avevo ancora appuntamento con il poliziotto, il quale mi ha portato l'esito definitivo del mio esame del sangue: percentuale di alcol 0.98 per mille. Anche l'esame del sangue ha dato esito positivo.

Dopo tutta questa avventura ecco quello che mi aspetta: per due/tre settimane la patente la vedo con il binocolo. Dopo questo periodo arriverà la sentenza da parte del procuratore pubblico. E ci sono due possibilità:

1. visto che non ho precedenti, probabilmente mi ridanno la patente, solo che me la ridanno su condizionale e per un tot di anni (che stabiliranno loro), non devo più farmi ribeccare ebbra alla guida. Perché se mi ribeccano vado direttamente in gattabuia.

2. c'è la possibilità che per tre mesi non guidi più.

Ma non è finita.

Dopo un errore del genere, c'è una multa salata da pagare, ma visto che io sono ancora studente, e ho un lavoro part time, finirò sicuramente a fare, sempre su decisione del procuratore, un lavoro socialmente utile. E vi confesso che questa cosa non mi dispiace per nulla, anzi.

Ragazzi, mi raccomando, portatemi le arance in gattabuia.

technorati tags: , ,

20 Comments:

Blogger dalianera said...

E non diciamo a che ora mi hai dato la notizia, che te possino, pensavo proprio che fosse giunto il momento di comprarle queste maledette arance.

:-)

E adesso su, pedala, che c'hai una bicicletta nuova di pacca che ti aspetta.

;-)

12:52 AM, maggio 27, 2008  
Blogger MARGY said...

URCA UANTO HAI SCRITTO!!
:O

....devo dire che l'hai recuperato tutto questo maggio! ;)

12:53 AM, maggio 27, 2008  
Blogger zefirina said...

penso che ti verrò a fare compagnia non ho ancora pagato la multa per eccesso di velocità presa sotto il tunnel di non so dove: velocità punibile 24 km/h se non la pago verrò denunciataal tribunale competente

sti svizzeri so severi ;-)

paolino dato che ci sei porti le arance anche a me????

sonia come dice lupo alberto
la fortuna è cieca
ma la sfiga ci vede benissimmo

10:11 AM, maggio 27, 2008  
Anonymous kendalen said...

Ahi ahi ahi, sonia... cosa mi combini?
Mi basta assentarmi per un anno e mezzo e mi ti ritrovo alle presi con l'inflessibile giustizia sfizzera?

D'ora in avanti SOLO ORZATA!!!
:D

11:30 AM, maggio 27, 2008  
Anonymous paolo said...

azzzzzzzz.... Soniaaaaaa!!!! hanno beccato anche te!!!!!! mi spiace... bacetti e fatti sentire!

5:09 PM, maggio 27, 2008  
Anonymous Alex321 said...

Alla faccia, cara! Ti sei messa in un bel casino...
Se ti può consolare, anche la mia macchina è stata distrutta due volte, la terza invece si è distrutta da sola.
Con la differenza che io non bevo :)

11:28 AM, maggio 28, 2008  
Blogger IlMode said...

Io proprio domenica mattina ho fatto gentilmente entrare un signore con tutta la sua Audi A4 (non si era fermato allo stop) nel mio lato passeggero! Forse aveva premura di abbassare il volume della mia radio, vista la prontezza di riflessi e l'abilità con cui mi ha amabilmente distrutto la fiancata?!
Non è che ho ragione, ho super-ragionissima, ma cazzarola la macchina la rivedo tra un mese se tutto va bene... che palle!

Vabbè mi consolo con l'SLK ;)

10:31 PM, maggio 28, 2008  
Blogger sonia said...

Certo che qui, tra incidenti, multe per alta velocità, e di "ciucca" (come nel mo caso) siamo messi tutti
bene. :-D


Comunque vi terrò aggiornati. :-)

Voi segutemi, io ne frattempo vado a studiare, che è periodo d'esami questo per me.

bacioni

1:04 PM, maggio 30, 2008  
Blogger digito ergo sum said...

ho riso 10 minuti, non per la patente, neh? per l'ironia... aperitivo? io la patente ce l'ho mai avuta... ci si trova a metà strada. alla stazione di maroggia... ciuuf ciuuuff ;-)

1:19 PM, giugno 01, 2008  
Blogger sonia said...

ho riso anche io...ma non quando mi hanno tolto la patente, ma ripensando a tutta la dinamica. ;-)

Tu caro, sei in debito di almeno 10 aperitivi, dato il bidone che hai tirato sia a teo che a me prima di natale. ;-)
Quindi aspettami, che presto mi faccio viva. :-D

Ma perché Maroggia? Ti sei trasferito a Lugano, non sei più qui nel Mendrisiotto?

7:16 PM, giugno 01, 2008  
Blogger lapilli said...

posso dirlo?
Sto morendo dal ridere !! :D :D

Scusa, eh.

2:56 PM, giugno 02, 2008  
Blogger Alberto said...

Sei un demonio: guarda che scusa originale hai trovato, pur di costringertci a venirti a trovare! :-D

D'accordo, allora, ma solo perché sei tu. ;-)

Un abbraccio hic...hic... :-)

2:00 AM, giugno 03, 2008  
Blogger Alberto said...

ERRATA CORRIGE

...costringerci...

2:01 AM, giugno 03, 2008  
Anonymous walter said...

quando ho già anche solo un bicchiere vado stile bradipo... la patente mi serve troppo...
in italia sono un po' più tolleranti, anche se la tua è più sfiga che altro...

11:16 AM, giugno 03, 2008  
Blogger sonia said...

@lapilli:fai pure ;D

@alberto: guarda che ho ancora i tuoi occhiali da sole. Mi sa che faccio ancora in tempo io a venirteli a consegnare direttamente a Milano, visto che spesso vado lî in questo periodo...ovviamente in ciuf ciuf.

@walter: anche a me serve :-(
la mia è sì sfiga, ma un pochino me la sono anche cercata, eh. Era meglio che forse non li chiamavo.

11:30 PM, giugno 05, 2008  
Blogger Helga said...

Ma è tutto vero??? Ah ah! Che sfiga! E li hai chiamati pure tu!!! :)))

2:24 PM, giugno 16, 2008  
Blogger sonia said...

helga verissimo. Se non fosse stato vero non sarei stata nemmeno in grado di raccontarlo.
Cerco che però, anche io...

9:46 AM, giugno 30, 2008  
Anonymous Anonimo said...

ciao se vuoi il mio msn dimmelo

9:21 PM, luglio 08, 2008  
Blogger sonia said...

Chi sei anonimo? identificati!

2:25 AM, luglio 09, 2008  
Blogger titty said...

povera mi spiace..!!! :D

4:03 PM, luglio 10, 2008  

Posta un commento

<< Home