blabla-sonia: Vi racconto una favola

domenica, settembre 16, 2007

Vi racconto una favola

C'era una volta Ylenia.
Ylenia era una bambina, una bambina di cinque anni e mezzo. Aveva i capelli biondissimi, lisci e lucenti come quelli di un angioletto. Due occhi vispi che ti sorridevano solo a guardali, di un colore verde, verde come i prati che fioriscono a primavera e un sorriso dolce, felice, innamorato della vita.
Ylenia quest'estate andava tranquillamente in piscina, ci andava da sola, con il suo monopattino, il caschetto viola a fiorellini per proteggersi il capo e con il suo zainetto con gli orsetti in spalla, si apprestava ad incontrare i suoi amichetti.
La mamma la lasciava andare anche da sola, perché preoccuparsi? Entrambe abitavano in un paese tranquillo in Appenzello, un paese immerso nel verde, con ruscelli e fiumi, attorniato da casette ancora di legno con i balconcini fioriti. Poco traffico, l'aria quasi rarefatta, un po' stile Heidi, ricordate? In quei paeselli si conoscono quasi tutti, ragion per cui, non c'era nessun motivo di temere che accadesse qualcosa.

Il 31 luglio di quest'anno Ylenia scompare.

Al suo rientro dalla piscina, in quel paese da favola, ad attenderla c'è l'orco cattivo. Un orco che la rapisce e la fa salire su un furgoncino bianco, che già due settimane prima qualcuno l'aveva notato appostato. Si appostava per Ylenia? Le notizie dicono di sì, ma questo non lo sapremo mai, perché l'orco Urs Hans, è stato trovato, morto suicida, lo stesso giorno del rapimento.

E Ylenia, invece? Chi ha salvato Ylenia? Forse un principino azzurro? Sarebbe bello vero? Invece no, questa non è una favola, questa purtroppo è una storia vera.

Il corpicino della piccola Ylenia è stato ritrovato ieri senza vita, in un bosco vicino al Canton San Gallo, dove qualche settimana fa avevano trovato i suoi oggetti personali.

Ma questo non è un caso a sé stante, perché si collega anche alla sparizione della piccola Madeleine, caso per il quale oggi sono sospettati i propri genitori.

Quanti invece sono gli enigmi ancora irrisolti di bambini scomparsi?
Quante volte ancora ci dovremmo trovare inorriditi, arrabbiati, di fronte a tali tragedie?
Cosa fare per fermare questi Orchi di bambini?
Una cosa è certa, i vostri figli non perdeteli mai vista, nemmeno se pensate di vivere nel paese più tranquillo di questo mondo, non lasciateli mai da soli né fuori né dentro casa, e non ditevi mai "A mio figlio non accadrà mai nulla" perché questi orchi non guardano in faccia nessuno.

Ecco la lista dei più piccini (casi mai risolti):

2007 Madeleine McCann
2006
Francesco e Salvatore Pappalardi
2004
Denise Pipitone
2003
Estelle Mouzin
2000
Giuseppe Sammiceli
1999
Du Xiaofeng
1999
Francesco Bruno
1998
Ervin Vlashi
1996
Marion Wagon
1996
Angela Celentano
1995
Bruno Romano
1992
Mariano Farina
1992
Salvatore Colletta
1990
Pasqualino Porfidia
1990
Adriana Benedetta Roccia
1990
Santina Renda
1986
Dominik Sthal
1984
Salvatore Marino
1981
Stefania Puglisi
1978
Vincenzo Monteleone

ma la lista è ancora lunga, qui ci sono molti dei casi di scomparsa di altri minori non più trovati anche per diversi motivi (per esempio, perché portati via da uno dei genitori).

technorati tags: ,

19 Comments:

Blogger digito ergo sum said...

Ciao "blabla", io qui, di aggiungere qualcosa, non me la sento proprio. Mi sento però di abbracciare tutti questi sorrisi, tutti questi piccoli a cui qualcuno, in nome di non si sa cosa, ha negato ogni diritto. Da uomo, da donna, da genitore e da genitrice vorrei, vorrei davvero abbracciarli tutti, magari facendo un lunghissimo girotondo, per sentire ancora solo una volta, come sarebbe giusto che fosse, le loro voci e le loro risate.

Che il sonno, almeno quello, vi sia di riposo. Sognate cose belle.

8:15 AM, settembre 17, 2007  
Blogger titty said...

dev'essere terribile...a volte penso alla mamma di denise dopo tutto questo tempo..!!!invece alla piccola madeleine adesso non danno la colpa ai genitori anche li sarebbe una pazzia...ma alla gente cosa succede...!!!!

10:00 AM, settembre 17, 2007  
Anonymous Mario said...

Che dire... purtroppo fermare questi "orchi" non è sempre facile... Urs Hans si è suicidato, ma non tutti fanno la sua fine... Dobbiamo, appunto, non lasciare mai soli i bambini (lo so... è triste che il mondo sia così...), segnalare qualsiasi cosa ci sembri "strana" e sperare che le nostre leggi siano severissime nei confronti di questa gente... Un abbraccio con tutto il cuore a questi piccoli e ai loro genitori il cui dolore non scomparirà mai...

1:55 PM, settembre 17, 2007  
Blogger laollo said...

anche in Italia non siam messi male per questioni simili, come si può ben vedere dalla tua lista.
son casi che pongono mille domande, chissà mai se avran risposte...

2:20 PM, settembre 17, 2007  
Blogger zefirina said...

avevo sentito questa storia però scusa non per fare polemica, anche se il paesino era tranquillo, con il cavolo che io avrei mandato una bambina così piccola da sola, mi sembra esagerato!!! Valentina mi dice che anche ad Amsterdam hanno questa propensione a "responsabilizzare" i bambini piccoli, tipo farli attraversare la strada a 5 anni da soli, preferisco allora essere la tipica mamma italiana un po' ansiosa. Il fatto poi che ci si conosce tutti non è una garanzia a volte gli orchi si nascondono proprio in famiglia o tra gli amici, ahimè

2:43 PM, settembre 17, 2007  
Anonymous tiziana said...

l'elenco di bimbi scomparsi è lungo, e se ad esso aggiungiamo quello delle vittime di violenze ed abusi per mano di adulti, ci rendiamo conto di quanto essi siano esposti ed indifesi... purtroppo neanche le mura domestiche sono più sicure. sarà realmente drammatico arrivare un giorno a dover diffidare della proria famiglia... un abbraccio colmo di amarezza

5:15 PM, settembre 17, 2007  
Anonymous Irlanda said...

Semplicemente terribile.

7:34 PM, settembre 17, 2007  
Blogger Alberto said...

E dei genitori (?) che mandano i bambini a lavari i vetri ai semafori vogliamo parlarne?!? :-/

Un abbraccio sconcertato :-)

1:17 AM, settembre 18, 2007  
Anonymous angioletto79 said...

si Sonia è un terribile!!! Veramente!!!!!!

un abbraccio Mary

11:45 AM, settembre 18, 2007  
Blogger sonia said...

@Ciao Digito.:-)
Anche se hai detto che non te la sentivi di aggiungere nulla, sappi che hai dedicato a loro un pensiero bellissimo. :-)

@Titty: Anche io spesso ci penso e quando la vedo che ancora lotta con tutte le sue forze, riesco solo ad ammirarla. Cosa possiamo fare d'altro, se non sostenerla con il pensiero?
Per il caso di Maddy invece, era prevedibile che partisse anche l'accusa contro i genitori, in ogni inchiesta capita, tutti sono sospetti, nessuno è fuori.

@Mario benvenuto.
Infatti dici bene : Ogni caso sospetto andrebbe segnalato. Il problema è che se si ha un sospetto e si va a denunciarlo, resta un problema, che spesso le forze dell'ordine, ti rimandano a casa perché loro dicono che sul sospetto non si possono basare,anzi rischi addirittura di passare tu per pazzo, è questo il dramma, ma spesso succede. L'unica cosa che possiamo fare, visto che usiamo spesso la rete, se dovessimo avvistare qualche sito
strano che riporta foto di bambini, è bene denunciarlo immediatamente. Qui si che si potrebbe cominciare a fare qualcosa, perché anche loro lavorerebbero su qualcosa di concreto.

@Lao, lo so, lo so che soprattutto in Italia con questi casi non siete messi bene, la lista parla chiaro purtroppo.

@Zefi: No no, non fai assolutamente polemica, anzi, dici una cosa esatta e sacrosanta i bambini non vanno mai lasciati da soli, nemmeno per un secondo. Anche io mentre leggevo le notizie e mentre scrivevo il post pensavo a ste cose. Ma ora cerco di mettermi nei panni di una mamma che probabilmente si sta facendo mille, duemila sensi di colpa. :-(

@Tizi: Esattamente, la lista allora si allungherebbe ancora di più. Oggi purtroppo certe cose succedono anche tra le pareti domestiche, e spesso sono zii, parenti più stretti oppure quelli che si dicono essere i migliori amici. Purtroppo oggi bisognerebbe essere amici di tutti e amici di nessuno. Ma come si fa?

@Irlanda: Già.:-(

@Alberto: Hai ragione, ma in que casi, se si ha il coraggio di farlo, bisognerebbe prendere il bambino e accompagnarlo direttamente al primo posto di polizia, e dovrebbe farlo chiunque veda un bambino elemosinare. Così facendo i genitori degli zingari o chi per esso si vedrebbero sottrarre il minore e portato in qualche centro di accoglienza. Se si facesse così, a quei genitori di quella "cultura", forse gli passerebbe la voglia di andare a far chiedere l'elemosina ai figli in un paese straniero.

11:51 AM, settembre 18, 2007  
Blogger sonia said...

Mary: Scusa, la tua risposta è arrivata mentre stavo rispondendo agli altri commenti, ecco perché non sei inserita nella lista. :-)
È terribile sì, bisogna tenere sempre gli occhi bene aperti.
Un abbraccio

11:57 AM, settembre 18, 2007  
Blogger Alberto said...

POST SCRIPTUM –> (cioè: “ho scritto un nuovo post”) :-)

Un abbraccio pubblicitario :-)

12:44 PM, settembre 18, 2007  
Anonymous angioletto79 said...

si Sonia!!! hai perfettamente ragione!!!!
è quello che dico sempre ad coppia d'amici ... credono troppo nel prossimo!!!!! Per carità non è giusto chiuderli in una campana di vetro .... ma lasciarli troppo libero oggi è troppo rischioso!!!

Baci

12:59 PM, settembre 18, 2007  
Blogger zefirina said...

infatti io penso alla mamma che si sentirà in colpa, già noi mamme ce ne facciamo tanti in situazioni meno tragiche, mi spiace molto anche per lei

3:33 PM, settembre 18, 2007  
Blogger Mad Riot said...

Orribile...tuttavia, leggendo le storie degli altri bambini scomparsi, ho letto molto spesso che i genitori sono indagati o peggio ancora coinvolti nella sparizione.

1:47 PM, settembre 19, 2007  
Blogger sonia said...

Zefi: già, le mamme oltre alla sofferenza di averle perse si portano dietro anche un bel peso. :(

M@D: Bentornato! :-)
Sì, i genitori a un certo punto delle indagini rientrano come secondi indiziati.Vedi il caso di Maddy, ma oggi le analisi del DNA confermano che il sangue nella macchina dei genitori non era il suo ma dei fratellini, e a quanto pare potrebbero essere anche scagionati. E me lo auguro, perché secondo me c'è in giro una banda di gente pronti a rapirli.

3:30 PM, settembre 19, 2007  
Blogger Faith said...

Il fatto che mi fa più tristezza, oltre all'ovvio orrore per eventi simili, è che questi mostri ci fanno diventare tutti più sospettosi, più diffidenti. A questo punto anche una persona con una faccia che non ci convince può diventare un malvivente ai nostri occhi. Ed è tutta colpa di chi rapisce e uccide.
Come si fa a fare del male a creaturine così belle? Così pure?
Senza parole.

4:05 PM, settembre 19, 2007  
Blogger sonia said...

Faith, ben ritrovata. :)
Lo so cara Faith,questa gente ci fa rendere ancor più sospettosi verso il prossimo. Ma se pensi che a volte certi orchi sono quelli che meno ti aspetti, come gli zii, i nonni addirittura.

Non so come l'uomo possa accanirsi a volte senza nessun motivo nei confronti di queste anime innocenti, perché alla nostra connazionale Ylenia, dopo il ritrovamento e dopo le analisi autoptiche, non sono emersi atti di violenza di nessun genere. L'ha ammazata veramente senza nessun motivo.

4:48 PM, settembre 19, 2007  
Blogger lasposina said...

Mi dispiace tanto per questa storia, ma anche io concordo sul fatto che la fiducia va bene ma non si e' mai troppo prudenti quando si tratta di bambini. Io non lascerei mai e poi mai mio figlio che ha 5 anni andare da solo da nessuna parte. Proprio oggi mi chiedevo se devo smettere di dargli la mano quando stiamo sul marciapiede perche' qui li lasciano liberi di scorazzare dove vogliono il che vuol dire che a 4 anni sono in grado di attraversare la strada da soli, mentre forse il mio no, ma non credo proprio che adottero' il metodo olandese. Insomma e' vero che un minimo vanno resi indipendenti ma bisogna dare tempo al tempo. Io voglio che mio figlio cresca maturo e capace di destreggiarsi in ogni situazione ma assolutamente non a scapito della sua sicurezza e della mia serenita'.
Sono una mamma diciamo mediamente apprensiva ma se questo fa si' che Lorenzo sia al sicuro preferisco di gran lunga cio' che altro che non oso nemmeno immaginare.

Che storia brutta. Non e' una favola e' un incubo.

10:43 PM, settembre 23, 2007  

Posta un commento

<< Home