blabla-sonia: ...riattacco un attimo

sabato, settembre 30, 2006

...riattacco un attimo

Ci sono voluti quasi quattro anni, cara canzone, per poterti riascoltare. Solo ora ho trovato il coraggio. Finalmente.
Continuo ad ascoltarti, è un breve tuffo nel passato quello che mi serve, nient'altro.
Quando qualcuno che hai creduto di amare si rifugia nel testo di una canzone è perché non sa più cosa dirti. Ha la fantasia in sciopero e il coraggio in vacanza. Ora capisco perché il mio inconscio odia profondamente la parola "CARA".

14 Comments:

Anonymous Senpai said...

Non avevo dubbi sul fatto che ci fossero dei precedenti per spiegare l'avversione a tale parola.
Spero che tu possa riapprezzarla di nuovo al più presto, magari detta dalla persona giusta.

9:59 AM, settembre 30, 2006  
Blogger Alberto said...

Solidarizzo...
Un abbraccio.

10:15 AM, settembre 30, 2006  
Anonymous Dri said...

Ti capisco.. l'avrei odiata anch'io..
Poterla riascoltare ora sarà stato per te un ottimo modo di "archiviare" spiacevoli sensazioni e ricordi..

Un bacione, buon w.e. carissima.

10:57 AM, settembre 30, 2006  
Blogger krepa said...

mi spiace per la tristezza che ti da la canzone...ma è bellissima...

bevici sopra

1:00 PM, settembre 30, 2006  
Anonymous pachiderma said...

ma quella della canzone è una che non capisce niente!!! dai non c'entra con te, fatti una pelforth!

8:58 PM, settembre 30, 2006  
Blogger Astralla said...

Capisco anche io il perchè della tua sensazione, a me lascia un pò di amaro la canzone dei subsonica "Abitudine" (se fossi capace di mettere il link per la musica lo metterei, ma per ora sono carente) poichè mi ricorda momenti passati, in cui quella canzone rispecchiava la mia vita. Sono sempre del parere che tutto passa.
La conzone di per sè è bellissima, guccini è sempre un grande e tu stai riuscendo ad affrontare il ricordo di un dolore nel modo più giusto, come un ricordo, appunto. Un abbraccio forte Sonia :)

2:00 AM, ottobre 01, 2006  
Blogger sonia said...

Senp: da qualcosa doveva pur arrivare. Ninete nasce dal niente.

Alberto: Grazie! Un abbracio anche a te.

Dri:Dicciamo che a volte er scoprire certe cose, bisogna andarci dentro sensza mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi.
Ora che l'ho fatto capisco ancora di più con chi avevo a che fare.
Un bacio Dri.

Krepa: no, lacanzone non mi da tristezza, anzi...comunque condivido con te che è bellissima!

Pachi: Credi che parla di una che non capisce niente? Sai invece che impressione mi da? Di una che vive fra le nuvole...è vero che ogni tanto mi capita di andarci, ma ti assicuro che so anche scendere.Lui diceva che questa è una canzone tristissima! Mah...

Astralla: adoro anche io i Subsonica,ho di loro tutti gli album, adesso andrò a riascoltarla.
Comunque è vero, anche questa canzone forse, rispecchiava la mia vita di 4 anni fa. è per quello chemi fa male riascoltarla.
Ma chi ti dice parole con testi degli altri, secondo me non ha proprio capito nulla della vita.
Un abbraccio anche a te.

5:27 PM, ottobre 01, 2006  
Blogger dalianera said...

Sei riuscita a riascoltarla?
E' questo quello che conta. ;-)

Brava Sonia, si va avanti.

Buona serata. ;-)

9:17 PM, ottobre 01, 2006  
Blogger sonia said...

Tacku...già! :o)

10:15 PM, ottobre 01, 2006  
Anonymous Carmen said...

Va be' a me tanto per cambiare non funziona mai nulla nn so nemmeno che canzone sia :))) ehhh va be' che ci vuoi fare son sempre la solita

2:23 AM, ottobre 02, 2006  
Blogger Pier said...

E' difficile capire se non hai capito già...
Se hai trovato il coraggio di riascoltare questa canzone vuol dire che ciò che ti turbava ora ti fa molta meno paura. Insomma è alle spalle.
Forse a volte è meglio il testo di una canzone piuttosto che una frase fatta o un silenzio "per non fare soffrire"... A volte...

1:33 PM, ottobre 02, 2006  
Blogger sonia said...

@carmen: sei un mito ;o))

@Pier: A proposito di Guccini, fammi sapere quando ci sarà un concerto a Milano...io ci ancdrei a rivedermelo, e se canta sta canzone la canto a squarciagola ;o)))

1:17 AM, ottobre 03, 2006  
Blogger zefirina said...

è strano vedere o in questo caso sentire come a volte una canzone ti becca proprio in certi stati d'animo, magari non l'avevi neppure mai sentita e una mattina la passano alla radio e ti capita di ascoltarla e ti chiedi: oh mio dio ma questo sa cosa sto provando, specie se quello che stai provando è lo strazio per un amore finito!!! e così rimane come colonna sonora di quel momento, ma per fortuna, parlo per me, ci sono anche colonne sonore che ricordano i momenti felici senza immalinconirci.

4:03 PM, ottobre 03, 2006  
Blogger sonia said...

Zefi, non ci crederai, ma è successa la stessa cosa a me.
L'avevo sacoltata su una cassetta registrata male tempo fa, e queste parole le ho sentite dentro, era quel lui che me le aveva dette.
Solo settimana scorsa, ho sentito dentro e ho preso il coraggio di andarmi a comprare questo CD con questa canzone, ed ecco che tutto mi si è rilluminato!
Adesso sono un po' di giorni che non l'ascolto già più!

Ciao

8:42 PM, ottobre 03, 2006  

Posta un commento

<< Home